Napoli, un week end a spasso tra arte, storia e cultura

Chiesa del purgatorio ad Arco e il suo ipogeo, Museo del Novecento a Castel Sant'Elmo e Antiquarium di Boscoreale: la proposta culturale per un fine settimana con Assodipendenti-TerramiaNapoli

0

L’Associazione Culturale Assodipendenti-TerramiaNapoli, sabato 15 novembre invita a partecipare alla visita guidata alla Chiesa del purgatorio ad Arco e al suo ipogeo.

Situata nel cuore del centro storico di Napoli, la chiesa, fu progettata dall’architetto Giovan Cola di Franco e consacrata il 2 novembre del 1638.  Dedicata alle anime del purgatorio, fu detta “ad arco” in ricordo di un arco all’incrocio tra via Tribunali, via Nilo e via Atri, su cui si ergeva un torrione medievale che ospitava il Sedile o Seggio di Montagna.

La struttura fu concepita su due livelli: la chiesa superiore rimanda alla dimensione terrena, mentre l’ipogeo alla concreta rappresentazione del purgatorio. All’interno la sontuosità dell’arte barocca e i simboli mortuari si combinano perfettamente. Tutto l’apparato decorativo serviva a ricordare a passanti e fedeli che le anime attendevano ’o refrisco, una preghiera in suffragio per liberarle dal fuoco del purgatorio e ascendere in paradiso. Una lunga e singolare tradizione che si protrae a Napoli da secoli con i suoi gesti ed un complesso rituale che lega vivi e morti.

Programma:

  • Ore 09,45 : raduno dei partecipanti davanti all’ingresso della chiesa
  • Ore 10.00: inizio visita guidata; Durata della visita : circa 90 minuti.

Sempre per sabato 14 novembre L’Associazione-culturale Assodipendenti-TerramiaNapoli propone invece la visita guidata al Museo del Novecento per la innovativa mostra Luci d’arte e d’autunno al castello (Sant’Elmo).

mueso novecento

Nato da un progetto di Nicola Spinosa, il Museo intende documentare, attraverso una selezione condotta con metodo storico-critico, quanto realizzato a Napoli nel corso del Novecento, entro i limiti cronologici indicati, nel campo della produzione artistica. In particolare, da quanti si applicarono in quegli anni – soprattutto o quasi esclusivamente – in pittura, scultura e in varie sperimentazioni grafiche.

Per questo nuovo Museo, realizzato intenzionalmente e significativamente negli spazi del Carcere Alto di Castel Sant’Elmo adiacenti la Biblioteca e la Fototeca di Storia dell’Arte aperte al pubblico, sono state selezionate ed esposte circa 170 opere realizzate da 90 artisti napoletani, con l’aggiunta anche di alcune presenze di artisti non partenopei, che con ruoli diversi furono attivi in città.

Assodipendenti  condurrà in una sorta di passeggiata tra le suggestive luci novembrine alla scoperta del Museo del Novecento, una delle collezioni museali di recente costituzione in Campania, fondamentale avamposto della conoscenza dell’arte contemporanea del territorio, situato nell’incantevole cornice di uno dei più affascinanti castelli della regione.

Cavalcando i secoli, dal Medioevo all’epoca presente, si inizierà ad esplorare il Castello, percorrendone storia e segreti attraverso camminamenti secolari e panorami mozzafiato, per poi giungere al Museo  ove si assisterà al dipanarsi trascinante della storia in perenne e vitale dialogo tra adesione al rinnovamento internazionale e tradizione, globalizzazione e identità locale.

Programma:

  • Ore 11.00: appuntamento presso la biglietteria del Castel Sant’Elmo.
  • Ore 11.30: inizio visita; durata 90 minuti  circa

Per domenica 15 novembre l’associazione propone invece la visita guidata all’Antiquarium di Boscoreale. Istituito nel 1991 ed ospitato in un edificio costruito nelle adiacenze dell’area archeologica di Villa Regina, illustra la vita e l’ambiente dell’epoca romana nell’agro Vesuviano.

Vi sono esposti  reperti di ogni genere, rinvenuti spesso in eccezionale stato di conservazione sotto la coltre di cenere e lava vesuviana durante gli scavi effettuati, tra la fine dell’Ottocento ed i primi decenni del Novecento in alcune delle case di Pompei e nelle ville rustiche e signorili attestate in questa zona.

antiquarium2

I reperti  permettono di acquisire dati  precisi sul tenore di vita, le condizioni economiche, usi e costumi degli abitanti di questo territorio in età romana.

Il museo si sviluppa su due sale: la prima ospita i reperti che documentano lo sfruttamento del mare e del suo immediato entroterra, le colture della fascia collinare, le attività economiche legate all’agricoltura e all’allevamento, all’artigianato in particolare tessile, nonché alcune pratiche connesse alla religione, alla vita quotidiana come la medicina e la cosmesi documentate in epoca romana.

Nella seconda sono esposti alcuni reperti provenienti dagli insediamenti a carattere produttivo di età romana portati alla luce nel Comune di Boscoreale tra la fine dell’Ottocento ed il secolo scorso. Alcuni esempi: Villa Regina, Villa della Pisanella, Villa di Numerius Popidius Florus, Villa di Marcus Livius Marcellus e di Asellius.

La prenotazione è obbligatoria.  

Programma:

  • Ore 10,00 : raduno dei partecipanti direttamente all’Antiquariumin Via Settetermini, viale Villa Regina – Boscoreale (NA) (Come arrivare: Auto: Autostrada A3 Napoli-Salerno (uscita Torre Annunziata sud o Pompei ovest)
  • Ore 10,15 : inizio visita guidata; durata 90 minuti

Maggiori informazioni  Assodipendenti – terramia.napoli

Foto di Assodipendenti-TerramiaNapoli, per gentile concessione


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments