Sinisa Mihajlovic nuovo allenatore del Torino. La notizia dell’ingaggio del tecnico serbo sulla panchina granata per sostituire Giampiero Ventura, diventato tecnico della Nazionale, ha fatto impazzire i tifosi. Dopo le recenti avventure con Sampdoria e Milan, il tecnico ha deciso di accettare la corte del presidente granata Urbano Cairo e approdare in una delle piazze più calde della Serie A.

Ma anche da una squadra dalla grande storia e dal grande fascino pronta a risollevarsi e ad ambire nuovamente ai grandi palcoscenici europei. Mihajlovic non ha dovuto neanche pensarci su, e dopo la rescissione con il Milan, ha accettato con grande entusiasmo questa nuova destinazione.

Lo staff tecnico di Mihajlovic

Un’esperienza che potrà dire tanto, ma soprattutto potrà riscattare una stagione giudicata negativa dal Milan ma che invece agli occhi di tutti è sembrata una delle migliori, per gioco espresso, della squadra rossonera dopo il ricambio generazionale degli ultimi anni. A Torino riparte dunque il cammino del serbo che porterà con sè in questa nuova esperienza professionale, lo stesso staff tecnico che tanto bene ha fatto nelle precedenti esperienze. New entry per questa avventura, sarà Attilio Lombardo. L’ex calciatore di Sampdoria, Juventus e della Nazionale, assumerà il ruolo di allenatore in seconda probabilmente al posto di Nenad Sakic. Conferme invece per il trio campano che, fra disegni tattici, strategie e studio degli avversari attraverso l’uso della tecnologia, ha arricchito e potenziato il sistema di gioco di Mihajlovic. foto 1Emilio De Leo, di Cava dè Tirreni, maestro della tattica, stregò Mihajlovic ai tempi in cui neo allenatore del Torino guidava la nazionale serba, promuovendo De Leo come suo secondo. Partito dai campi polverosi della Terza Categoria campana, De Leo mostra subito le sue doti e i suoi metodi di lavoro che saranno poi il marchio di fabbrica del gioco delle squadre di Mihajlovic. Le sue lezioni e delucidazioni tattiche venivano postate direttamente sulle pagine social di Facebook, raccogliendo gli elogi degli addetti ai lavori.

L’uomo ombra

Vera colonna dello staff del tecnico serbo, De Leo, per limare in ogni suo punto il lavoro, si affida alla collaborazione, non solo di Renato Baldi, nato a Nocera Inferiore, ma anche di un altro validissimo elemento dello staff del tecnico serbo, Davide Lamberti. Originario di Nocera Superiore, 29 anni, è l’uomo ombra del lavoro tattico della squadra. Lamberti trascorre la maggior parte del suo tempo a selezionare filmati e a produrre dvd, seguendo le indicazioni ricevute da Emilio Di Leo. foto 2I filmati delle partite precedenti degli avversari da affrontare, i movimenti delle loro difese, le incursioni degli esterni e le trame offensive dell’attacco, tutto meticolosamente ripreso, montato e tagliato in modo semplice e diretto per mettere in guardia la propria squadra dai possibili pericoli delle squadre avversarie. Un lavoro che poi inevitabilmente, risultati alla mano, mostra i suoi frutti sul campo. Il gioco della Sampdoria prima e del Milan poi, nella prima parte della stagione, sono stati sempre apprezzati dagli addetti ai lavori che hanno esaltato fin da subito la cura tattica e l’attenzione minuziosa del gioco mostrato in campo delle squadre allenate da Mihajlovic. Un vanto per la nostra regione, per la provincia di Salerno, per la Valle Metelliana e per l’Agro nocerino sarnese che ha avuto la capacità di proporre all’attenzione nazionale le capacità lavorative e gestionali di figure sportive capaci di far combaciare al meglio il calcio con l’avvento delle nuove e più recenti tecnologie.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments