Con la stagione regolare di tutti i campionati professionistici nazionali che ormai volge al termine, sarà la Salernitana a mettere la ciliegina sulla torta ad un campionato che per le squadre campane è stato da incorniciare. I granata infatti, sono chiamati a dover disputare l’ultimo atto del campionato di Serie B, ovvero gli spareggi playout contro gli abruzzesi del Lanciano. foto 1La squadra campana, dopo la preziosissima vittoria ottenuta nell’ultima giornata contro il Como allo stadio Arechi, ha di fatto sperato fin all’ultimo in un passo falso in contemporanea del Latina impegnato a giocarsi le speranze salvezza sul non facile campo di Pescara. Il pareggio dei pontini ha però consentito alla squadra di Gautieri di garantirsi la sicurezza di un posto in B anche per la prossima stagione, condannando la squadra di Lotito ai pericolosissimi spareggi salvezza. Como, Modena e Livorno, sono le compagini che hanno salutato la serie cadetta retrocedendo in Lega Pro.

La stagione dei granata

In un campionato che è sempre stato molto equilibrato e molto intenso, soprattutto per il numero di gare da giocare superiore anche alla stessa Serie A, i granata di mister Torrente prima e Menichini dopo, avevano cominciato la stagione con il piglio di una grande squadra. Vittorie in casa, pareggi fuori e prestazioni che facevano presagire quantomeno ad una salvezza tranquilla. Gli infortuni della difesa però, con Schiavi praticamente fuori per tutta la stagione e lo scarso rendimento del centrocampo, hanno di fatto abbassato le aspettative dei tifosi che confidavano molto in una rosa che sembrava allestita davvero bene. Il Direttore Sportivo Fabiani infatti, aveva puntato molto su un gruppo misto fra giovani ed esperti. foto 2Da Moro a Pestrin, fino a terminare con la rivelazione Odjier, Donnarumma e Coda, autore di 15 reti, la Salernitana sembrava davvero poter rappresentare l’outsider di questo campionato. Il mese di gennaio però, con le partenze di Gabionetta in Cina e i mancati acquisti di elementi adatti ad un certo tipo di campionato, hanno fatto sprofondare presto i granata nelle zone basse della classifica. Fra cambi alla guida tecnica, indecisioni tecniche e abbagli societari, la Salernitana si è giocata fino all’ultimo minuto dell’ultima giornata, quantomeno la possibilità di giocarsi la possibilità degli spareggi.

L’avversario: il Lanciano

Adesso c’è da affrontare un Lanciano che nell’ultima gara giocata contro il Livorno, era andato sotto di 2 goal in Toscana e sembrava dover salutare la categoria in maniera quasi certa. La rimonta dei secondi 45 minuti che ha poi portato al 2-2 finale, complice anche un errore arbitrale e una “papera” del portiere Pinsoglio, hanno condannato gli amaranto ad una cocente retrocessione. I ragazzi del tecnico abruzzese Maragliulo hanno così ancora speranze di salvezza anche se con una classifica peggiore rispetto alla Salernitana, saranno costretti fin dall’inizio a cercare la vittoria con il maggior numero di goal possibili.

Foto LaPresse - Federica Roselli 13 02 2016 Lanciano - Italia Sport Calcio Virtus Lanciano - Modena Campionato di Calcio Serie B 2015/2016 ConTe.it - Guido Biondi Stadium Nella foto: di francesco esulta Photo LaPresse - Federica Roselli 13 02 2016 Lanciano - Italy Sport Soccer Virtus Lanciano - Modena Italian Football Championship League B 2015/2016 ConTe.it - Guido Biondi Stadium In the pic: di francesco gioy

Di Francesco, Marilungo, Turchi, Ferrari e Vastola, sono solo alcuni dei nomi che compaiono nella rosa della presidentessa Valentina De Maio. Una squadra che vuole blindare la B e lo farà fin da subito sfruttando il fortino dello stadio Guido Biondi, autentico tabù per ogni squadra. La salvezza della Salernitana, dovrà passare quindi necessariamente da questi due match, l’andata a Lanciano, il prossimo sabato 4 giugno, e il ritorno a Salerno mercoledì 8 giugno.

I possibili scenari futuri

In caso di esito positivo delle due gare, la prossima Serie B, sarebbe inevitabilmente targata Campania, con Avellino, il neopromosso Benevento e la stessa Salernitana pronte a darsi battaglia in una lunga serie di scontri diretti. foto 4Tutto questo senza dimenticare ovviamente un Napoli in Champions League che sarà sicuramente ancora protagonista in campionato. Un bel messaggio per lo sport e per l’intera regione.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments