di Maria Cristina Orga

Si è conclusa con due anni di anticipo l’esperienza di primo cittadino della città vesuviana della Reggia del magistrato Nicola Marrone.Nicola-marrone

Già da tempo erano nell’aria turbolenze che hanno indotto, solo pochi giorni fa, il sindaco di Portici a ritirare le deleghe di molti assessorati chiave e a ridisegnare la mappa dei collaboratori istituzionali.

Il provvedimento evidentemente non si è rivelato misura sufficiente per tacitare le troppe voci di malcontento che da tempo e da più direzioni si levavano all’indirizzo dell’amministrazione guidata dal magistrato-sindaco.

Casa Comunale PorticiLa debacle ieri mattina, quando 13 Consiglieri Comunali hanno presentato le proprie dimissioni mandando l’assemblea di palazzo Campitelli nel caos e determinando di fatto lo scioglimento del Consiglio Comunale e la fine dell’era Marrone.

Oggi la Prefettura nominerà un Commissario che reggerà le sorti della città occupandosi dell’ordinaria amministrazione fino alle prossime elezioni anticipate che avranno luogo tra aprile e maggio del 2017, dieci mesi in cui la città sarà presumibilmente travolta da un’accesa campagna elettorale dagli sviluppi e dagli esiti quanto mai incerti, sull’onda lunga della crisi della politica che attraversa ormai l’intera Europa.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments