Napoli notte da sogno: riapre lo storico parco Edenlandia

0

Grande attesa e fibrillazione per i cittadini partenopei per la riapertura dello storico parco giochi Edenlandia, dove diverse generazioni di cittadini napoletani sono cresciuti e hanno lasciato i loro più preziosi ricordi.


Progettato in epoca fascista, il parco aprì le porte al pubblico il 19 giugno del 1965. Cesare Rosa fu uno degli ideatori che diede vita anche alle famose giostre “Autopista del Sole” e “Cascate del Niagara”.

Edenlandia tenne ben testa alla concorrenza degli altri parchi italiani (alcuni nati successivamente) fino alla fine degli anni Novanta, epoca in cui gli ingressi iniziarono a calare vertiginosamente. Neanche il cambio di gestione e l’aggiunta di nuove giostre riuscirono a salvare il parco: il 13 ottobre 2011 la mostra d’Oltremare, proprietaria del terreno della “Park and Leisure” (azienda che gestiva il parco dal 2013) inoltrò la domanda di fallimento ed Edenlandia fu costretta a chiudere nel maggio 2012.

Sei anni di attesa, dunque, per i cittadini campani, attesa terminata lo scorso mercoledì 25 luglio, giorno in cui si è tenuta la cerimonia inaugurale del parco in seguito al restauro.

Più di cinquemila persone hanno preso parte alla grande festa, tantissimi i fan emozionati e commossi. Musica, spettacoli, artisti in costume, artisti sui trampoli, luci, palloncini colorati e lo scoppiettante profumo di graffa, gli ingredienti della serata. Tra gli ospiti d’onore il talento canoro di Antonio Marino, uno dei concorrenti di The Voice 2018. Presenti al taglio del nastro l’amministratore unico Gianluca Vorzillo e il primo cittadino Luigi de Magistris. “Non solo un momento di riappropriazione del territorio – commenta Vorzillo – ma anche un punto fermo dal punto di vista occupazionale”. Riassunti, infatti, i 53 lavoratori e previste nuove assunzioni. De Magistris, invece, sancisce la riapertura con un giro nel trenino simbolo del luna park.

Le attrazioni presenti all’interno della struttura sono 13, tra cui anche alcune storiche (queste ultime riapriranno il 2 agosto, in atto le procedure di messa in sicurezza). L’accesso al parco sarà reso possibile dall’Edencard, carta ricaricabile dal valore simbolico di 2 euro che saranno riconvertiti in gettoni virtuali. Gli incassi saranno devoluti per il 10 per cento all’ospedale Santobono e per il 5 per cento all’Unicef.

Sfida riuscita, dunque, per l’amministrazione campana. Luogo di gioia ed emozioni per le generazioni passate, Edenlandia è ora pronta ad accogliere e “coccolare” le generazioni future.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments