Mary K. Stetson: la folle brutalità che colpì l’America

0
Mary K. Stetson - Fonte: Investigation discovery Swamp Murders

Oggi “Crimini e omicidi – il fascino dell’oscurità” intende portare alla vostra attenzione il terribile omicidio di Mary K. Stetson, la madre il cui corpo smembrato fu ritrovato il 20 luglio del 1999 in un borsone da viaggio presso il Piscataquog River in Manchester, e precisamente nella contea di Hillsborough County nel New Hamphire.

Mary K. Stetson - Fonte: Investigation discovery Swamp Murders
Mary K. Stetson – Fonte: Investigation discovery Swamp Murders

Era estate e in molti cercavano refrigerio dalla calura giornaliera presso corsi d’acqua e parchi ricreativi come quello attiguo al Piscataquog River, appunto, lungo quasi cinquantasei chilometri.

Piscataquog River Park - Fonte: www.manchester.gov
Piscataquog River Park – Fonte: www.manchester.gov

La raccapricciante scoperta fu fatta da un ignaro bagnante che, curioso di vedere cosa contenesse il bagaglio in cui si era imbattuto durante una salutare nuotata e che aveva tratto fino a riva, si trovò davanti a un torso di donna a cui mancavano gli arti e la testa.

Si trattava purtroppo della quarantenne Mary K. Stetson, di cui era stata denunciata la scomparsa alla polizia due giorni prima dalla figlia, Tamara Haney.

La donna, secondo i risultati dell’autopsia, prima di essere decapitata e smembrata era stata brutalmente pugnalata numerose volte.

La notizia, che ovviamente si diffuse rapidamente attirando l’attenzione di un pubblico sgomento e scioccato, spinse una donna vittima di violenze coniugali a recarsi presso la polizia per rendere una deposizione spontanea. Si trattava di Donna Plch, moglie dell’allora trentanovenne Vaclav “William” Plch, immigrante cecoslovacco, che si era accorta della mancanza del borsone da viaggio e anche di una parte di tappeto del marito, che secondo lei potevano corrispondere a quelli rinvenuti sul luogo in cui era stato scoperto il cadavere di Mary K. Stetson.

Vaclav "William" Plch - Fonte: Anatomy of a Murder
Vaclav “William” Plch – Fonte: Anatomy of a Murder

Grazie a questo indizio fondamentale, la polizia si mise subito alla ricerca di Vaclav Plch, che però nel frattempo era scappato. Alla fine fu rintracciato e catturato in Texas.

L’omicida, cedendo alle pressioni dell’interrogatorio dopo due giorni, dichiarò di aver incontrato Mary K. Stetson in un bar e di averla abbordata, portando poi la vittima nel suo appartamento. Ai rifiuti da parte della donna alle sue avances era seguita una furiosa colluttazione, ma in preda ai fumi dell’alcool, Plch si era reso conto solamente la mattina successiva di quanto fosse accaduto, trovando al suo risveglio il cadavere della donna steso in bagno in mezzo a una pozza di sangue.

Invece di chiamare subito la polizia, aveva preferito smembrare il cadavere e liberarsene gettandolo nel fiume.

Vaclav Plch fu condannato all’ergastolo il 10 novembre del 2000 dopo dieci giorni di processo.

Paola Bianchi


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments