Le Persone al Centro

0

Oggi non servono solo bei discorsi, ma fatti, azioni concrete, realizzazione di progetti che riguardino la vivibilità quotidiana delle persone, senza nascondersi dietro inutili maschere ideologiche.

La politica, per troppo tempo, è stata strumento di elargizione clientelare, favorendo i pochi a discapito dei tanti ed onesti cittadini.

Il mondo sta cambiando e anche i territori stanno mutando aspettative. Le comunità chiedono attenzione, chiedono cultura, buona amministrazione, competenza, lavoro, in poche parole “crescita”. Ma questa crescita non verrà mai alimentata, se l’unico modo di farsi eleggere è quello di creare circuiti chiusi, richiedendo voti sempre alle stesse famiglie presenti sul territorio da decine di anni. Bisogna uscire dagli schemi patetici che hanno congelato il nostro sistema sociale.

Minacciare, promettere prebende, elemosinare alleanze funzionalmente oligarchiche, presentarsi a casa dei figli dei figli dei figli in mancanza di qualsiasi tipo di prospettiva reale fa parte della vecchia politica. Noi siamo nel 2018! Abbiamo raggiunto la consapevolezza di dover creare nuovi corpi elettorali, rinnovate comunità civili che vogliono rimboccarsi le maniche, metterci la faccia, costruire assieme una nuova città, una nuova Nocera Superiore, non quella dei proclami fatti di slogan e marketing, ma una Nocera Superiore viva, solida.

Se qualcuno, in vista delle prossime amministrative locali, sta già creando circuiti chiusi in forma massonica, chiamando a raccolta i soliti amici per spartirsi il piatto di lenticchie e lasciare spruzzi di sugo alla comunità, noi non ci stiamo. Noi sentiamo il rispetto per il territorio, per la gente e le loro istanze, soprattutto rispettiamo l’intelligenza e l’onestà delle persone.

La chiamata alla società civile esiste e ne abbiamo gettato le basi. Ecco perché sfuggiamo a qualsiasi schema prestabilito, ecco perché stiamo continuando a creare nuovi territori elettorali. L’unico cambiamento parte dall’autocritica e dalla forza di volontà. Il resto è sciatteria dialettica, è una perpetrazione ad oltranza di una politica che non affronta lo sguardo della gente.

Per noi le persone stanno al centro, sono il centro.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments