Le “Figure” di Antonio Carrese in mostra per la ripresa del “Progetto Arte”

Figure, appunto, per lo più femminili, fanno mostra di sè nel prossimo appuntamento del Progetto ArteProgetto Arte - Antonio Carrese - Opera curato da Marianna Battipaglia per Polis Sviluppo e Azione. Figure immerse in un mondo, dove la dualità corpo – universo ispira e s’ispira ad un elemento metafisico, sottile ma mai nascosto: l’anima. E nell’anima, che si manifesta attraverso i tratti e ritratti dell’Artista Antonio Carrese, che è percepita la vera trinità del mondo fisico e metafisico, fatta di corpo, di universo ed anima.  Sarà così per tre giorni presso la sede dell’Associazione Polis Sviluppo e Azione al n. 61 di via Pecorari in Nocera Superiore – dalle 18.00 di venerdì 16 settembre e sino alle 21.00 di domenica 18 settembre – per incontrarsi e confrontarsi con curiosi ed appassionati. Abbiamo incontrato il giovane autore paganese per conoscere un po’ di più l’uomo e l’artista…

D.:Se dovessimo presentarti come artista in 3 parole, quali dovremmo usare?
R.: Umile. Impegnato. Consacrato.
D.: Com’è nata questa passione per la pittura? Istinto o semplice capacità?
R.: La passione per la pittura è nata con me.  Ricordo che ho sempre cercato di reinventare tutto quello che mi colpiva positivamente, su di un pezzo di carta, attraverso il disegno.progetto-arte-antonio-carrese-opera1
 
D.: Qual è la tua tecnica e cosa ti stimola maggiormente?
R.: Non ho una tecnica preferita. Quando un oggetto o un immagine mi sembra degna di essere trasportata su tela, cerco solo di renderla quanto più forte possibile. Senza schemi nè accademia.
 
D.: Cosa, di un tuo dipinto, mette meglio a fuoco la tua personalità artistica?
R.: La rapidità di esecuzione.
D.: Quali sono gli artisti che maggiormente hanno influenzato il tuo lavoro?
R.: Tutti gli artisti che hanno saputo raccontare qualcosa di sé . Senza timori. Con coraggio.
D.: Il tuo è un approccio chiaramente moderno alla pittura. Come ti poni, invece, nei confronti dell’arte antica?
R.: Penso che l’arte sia fuori dal tempo e dallo spazio. Un Masaccio può essere accostato perfettamente ad uno Chagall.
D.: Pensi che l’arte in qualche modo possa aiutare il cambiamento?
R.: L’arte è indispensabile. Smuove le coscienze nel bene e nel male. L’evoluzione è innata… staremo a vedere.
 


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments