La Galleria Borbonica online in 3D Voyager

La Galleria Borbonica diventa virtuale: un tuffo nel passato in dimensione 3D ed accessibile via web comodamente da casa.

La Galleria, orgoglio dell’ingegneria civile borbonica, si potrà ammirare online attraverso il 3D Voyager, il progetto di InnSight Innovation che ha lo scopo di digitalizzare i siti d’interesse storico e renderli disponibili per tutti in ambiente 3D.
Attraverso la tecnologia tridimensionale, oggi, la Galleria Borbonica diventa il primo sito storico al mondo visitabile in 3D e accessibile in qualsiasi momento da casa a persone con problemi di mobilità.
Dopo due anni di lavoro di analisi e progettazioni e oltre 24 mila foto, il percorso è stato riprodotto in versione tridimensionale altamente realistica che consentirà al visitatore virtuale, munito di torcia e con il supporto di un’audioguida e contenuti interattivi, di compiere un vero e proprio viaggio nel tempo.

Storia di un’opera mai completata…

Il tunnel borbonico situato nel quartiere San Ferdinando, sotto la collina di Pizzofalcone, è stato commissionato nel 1853 dal re Federico II di Borbone all’architetto Errico Alvino con finalità strategiche e militari; l’opera è stata inaugurata il 25 maggio del 1855, dopo due anni di lavoro svolto interamente a mano con picconi, martelli e cunei, senza l’ausilio di macchinari.
L’opera non è mai stata portata a compimento sia per le vicende storico-politiche che travolsero il Regno delle due Sicilie e che ne causarono la caduta, sia per le difficoltà tecniche incontrate durante lo scavo, quali il ritrovamento di bacini di tufo e una rete di cunicoli e cisterne collegate all’antico acquedotto seicentesco che serviva la città di Napoli, costruito dal nobile Cesare Carmignano.

Un percorso suggestivo tra pozzi, cavità e cunicoli utilizzati dagli abitanti come rifugio bellico durante la Seconda guerra mondiale, completamente liberati dai materiali di varia natura abusivamente sversati nel corso degli anni.

Il cimitero delle Vespe

Utilizzata nel dopoguerra e fino agli anni ‘70 come Deposito giudiziario comunale, oggi è possibile ammirare lungo il percorso auto e moto d’epoca , nonché un vero e proprio cimitero di lambrette e vespe.
Da sfondo a questo emozionante percorso enormi frammenti di statue d’epoca, tra cui i resti del monumento in memoria di Aurelio Padovani fondatore del partito fascista napoletano. Per i più avventurosi è anche possibile esplorare il tunnel a bordo di una zattera anche in un magico tour notturno.

 

Le meraviglie sotterranee di una città misteriosa

Un’esperienza sicuramente da provare, per ripercorrere la vita sotterranea di una Napoli che si snoda nel corso dei secoli, attraverso gli orrori della guerra e la voglia di rinascere di un popolo oppresso. La Galleria infatti, oggi, ospita numerosi eventi tra cui concerti, mostre e rappresentazioni teatrali molto suggestive e rese ancora più affascinanti dalla magica atmosfera che essa emana.

Per l’accesso virtuale alla Galleria è previsto l’acquisto di un ticket elettronico al costo di 3 euro e della durata di 7 giorni che consentirà di percorrere il percorso standard virtualmente rimanendo seduti davanti al pc.

http://www.galleriaborbonica.com/it/voyager3d#acquista
Fonte: Google

 

 


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments