Juventus – Napoli, in palio lo scudetto

“Sabato sera registrate la partita e vedete Sanremo, anche se penso che sia impossibile”. Le parole di Carlo Conti, durante la conferenza stampa di presentazione della 66^ edizione del Festival di Sanremo, lasciano davvero poco spazio all’immaginazione. Eh già, sabato 13 febbraio, alle 20.45 infatti, si giocherà per la 25^ giornata del campionato italiano di Serie A, la sfida fra Juventus e Napoli. Due squadre che stanno letteralmente demolendo ogni avversario, allontanando ormai definitivamente gli altri avversari dalla corsa allo scudetto.

Il PRECEDENTE DEL 1986 

Una sfida che ci riporta indietro nel tempo, fra corsi e ricorsi storici, impossibile dimenticare per i tifosi partenopei l’incredibile goal su punizione di Diego Armando Maradona che nella stagione 1985/1986 disegnò una traiettoria su calcio piazzato, da posizione impossibile, che sorprese l’allora estremo difensore della Juventus Stefano Tacconi, siglando il goal del definitivo 1-0.

NUMERI E CURIOSITÀ

Da Maradona a Platini, passando per Cavani e Pogba, fino ad arrivare al duello fra Higuain e Dybala, il big match fra queste due eccellenti compagini del calcio nostrano, ci ha sempre regalato emozioni indelebili, racchiuse nello scrigno prezioso dell’archivio della storia del calcio. Entrambe partite con un passo falso, Juventus e Napoli, nel corso della stagione, hanno avuto un rendimento altalenante. Da una parte la Juventus che, dopo le partenze in estate di tre campioni assoluti come Vidal, Pirlo e Tevez, ha dovuto trovare la quadratura del cerchio, grazie al tecnico Massimiliano Allegri, solo il 31 ottobre scorso con la vittoria ottenuta nel finale nel derby con il Torino. Da li’ in poi un filotto di 14 vittorie consecutive. Dall’altra un Napoli che si presenta a Torino in grandissima forma atletica, nonostante un gioco non proprio spumeggiante mostrato nell’ultima gara casalinga vinta 1-0 contro il Carpi. I partenopei vengono anch’essi da una serie di vittorie consecutive (8), intervallate solo dal pari interno ottenuto contro la Roma al San Paolo il 13 dicembre. E’ la sfida di due allenatori toscani, Allegri e Sarri, che hanno esaltato con il gioco le qualità della propria squadra e soprattutto dei singoli. Il Napoli ha infatti dalla sua un Gonzalo Higuain capace di realizzare 24 goal in altrettante gare, mostrando una forma fisica e mentale a dir poco pazzesca. La Juventus invece è impazzita per la “Joja” Paulo Dybala, fantasista argentino prelevato per circa 40 milioni di euro dal Palermo di Zamparini, e presentato in estate come l’erede naturale di quel Carlos Tevez che ha quasi portato la Coppa dei Campioni agli uomini di Allegri durante la scorsa stagione. Il giovane 21enne ha realizzato finora 13 reti avvalorando l’ennesimo investimento positivo della dirigenza bianconera. Nell’ultimo turno le due squadre hanno vinto contro le due matricole di questo campionato 2016, ovvero il Carpi e il Frosinone. Nella partita giocata in terra ciociara Max Allegri ha visto perdere per infortunio Giorgio Chiellini. Il difensore della Nazionale ha infatti sentito una fitta al polpaccio sinistro che gli impedirà, quasi sicuramente, di essere in campo sabato sera. I partenopei invece dopo la vittoria di rigore contro gli emiliani firmata Higuain, arrivano a questa sfida con tutta gli uomini a disposizione, ma soprattutto con 2 punti di vantaggio sui Campioni d’Italia che, in caso di sconfitta, scivolerebbero a -5 punti, + 1, relativo al vantaggio maturato dal Napoli negli scontri diretti vinti fra il match d’andata ed eventualmente quello di ritorno.

ANALISI CALENDARIO

Con 6 punti di vantaggio gli azzurri avrebbero davvero la reale possibilità di credere alla vittoria finale del campionato, nonostante il calendario subito dopo la super sfida con la Juventus, metta di fronte gli azzurri ad una serie di match molto complicati, tutti da giocare in un solo mese. Giovedì 18 febbraio infatti, si giocherà Villarreal-Napoli valida per l’andata dei sedicesimi di finale di Europa League. Lunedì 22 febbraio poi si torna in campo per il campionato con la sfida contro il Milan di Sinisa Mihajlovic, per poi continuare ancora giovedì 25 febbraio con il ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League contro il Villarreal al San Paolo. Il tutto terminerà poi con la super sfida di Firenze contro i padroni di casa della Fiorentina, che si disputerà lunedì 29 febbraio. Più agevole, almeno sulla carta, il mese di febbraio della Juventus che invece dopo la il match contro i partenopei, giocherà venerdì 19 febbraio a Bologna, ma soprattutto martedì 23 febbraio contro il Bayern Monaco, a Torino, per l’andata degli ottavi di finale di Champions League. Per poi terminare domenica 28 febbraio, in campionato, contro l’Inter. Due percorsi diversi ma ugualmente decisivi per il destino finale delle due squadre che sabato daranno vita ad una vera e propria battaglia che, con il permesso di Carlo Conti, sarà sicuramente ammirata dal mondo intero.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments