Il Villaggio delle idee. Viaggio nel futuro attraverso il cibo.

Alex Giordano sarà il direttore scientifico

0

di Imma Della Corte

Sarà un’eccellenza campana, Alex Giordano, a curare la direzione scientifica del documento programmatico che sarà di indirizzo alle linee politiche per il cibo del futuro. A lavorare con lui 1000 giovani agricoltori nell’ambito della manifestazione “Il villaggio delle Idee”, che ha visto Milano come prima tappa di 10 incontri che si svolgeranno lungo tutto il territorio italiano, per valorizzarne le differenze, conoscerne le peculiarità e esaltare le tradizioni ed il gusto legato ad ogni regione.

Il cibo sarà al centro di questi tavoli di discussione e di tutta la manifestazione, visto nelle sue molteplici sfaccettature, fra tradizione ed innovazione di gusto, di coltivazione e produzione, e nei suoi diversi ruoli nell’ambito della società, con spazi anche alla solidarietà per salvare le specialità delle aree terremotate ed alle novità quali l’Agriasilo dove i bambini possono imparare a mungere gli animali e a pigiare l’uva, lezioni nell’area orti, giardini e fiori.

Continua così il grande impegno di Alex Giordano, docente dell’Università Federico II° di Napoli e membro dello IADAS (International Academy of Art and Science) nell’ambito dell’agricoltura sostenibile, nel ruolo sociale del cibo, e nell’innovazione legata all’agricoltura. Giordano ha già avviato in Italia diversi filoni di studi e progetti di ricerca legati all’innovazione applicata alle aree rurali ed alle produzioni di cibo di qualità, nuovi modelli socioeconomici applicati alle aree rurali ed al cibo come attivatore delle comunità locali e progetto RuralHack, www.ruralhack.org, che studia applicazioni di Intelligenza Artificiale, robotica e big data per le la salvaguardia della biodiversità e quindi per dare vantaggi competitivi all’agricoltura familiare ed alle produzioni di qualità del Sud tramite utilizzo e sviluppo di sistemi open source quali Arduino.

Il Villaggio delle Idee Viaggio nel futuro attraverso il cibo
Il Villaggio delle Idee
Viaggio nel futuro attraverso il cibo

<<Quando oggi si parla di cibo, si parla di tecnologia, di innovazione, di recupero delle tradizioni, di scienza, di condivisione e di qualità. Le innovazioni in ambito tecnologico e di comunicazione, la robotica, i molteplici sistemi open source di gestione e le biotecnologie possono essere applicati al comparto alimentare e creare opportunità per gli agricoltori ed i cittadini, in passato inimmaginabili. Le nuove forme di comunicazione riformeranno i modi e le velocità con cui condividiamo le ricette, i rituali e i pasti alimentari, ma riorganizzeranno anche le relazioni con il nostro cibo, i nostri corpi, il nostro ambiente e le nostre comunità>> afferma Giordano. <<Tuttavia la produzione di cibo deve tornare ad essere un’attività che coniuga esigenze ambientali, sostenibilità economica e responsabilità sociali.
È necessario quindi sottrarre alle sole logiche del mercato la produzione di cibo e rimettere al centro il valore delle produzioni di qualità per aprire una riflessione aperta e condivisa su tutta la filiera produttiva dell’alimentazione>>.

Con lui ci saranno un team di giovani ricercatori del Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli Studi Federico II° di Napoli che faciliteranno i tavoli di lavoro. Saranno infatti Alberto Cossu, Pina Caliento, Pasquale Marzocchella, Barbara Petrosini, Lucia Orsini, Rita Luce, Lucia Gatti e Federica Ruggiero a coordinare le attività di moderazione e rapportistica dei primi quattro tavoli che lavoreranno sulle politiche agricole legate a sostenibilità ambientale, sostenibilità economica, sostenibilità sociale e tecnologie abilitanti.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments