Gesù non sapeva di essere Dio

Dall’ultimo libro di Bart D. Ehrman dal titolo “E Gesù diventò Dio: L’esaltazione di un predicatore ebreo della Galilea”

Bart D. Ehrman è uno dei più autorevoli studiosi del cristianesimo delle origini e le sue pubblicazioni generano spesso dibattiti anche accesi. Insegna all’Università della Carolina del Nord e ha scritto una ventina di libri su Gesù e i primi cristiani, cinque dei quali sono diventati bestseller nelle classifiche del New York Times. Tra i più noti, segnaliamo “Gesù è davvero esistito?”, “I cristianesimi perduti”, “Gesù non l’ha mai detto”. In quest’ultimo libro, pubblicato dalla casa editrice Nessun Dogma, la tesi di Bart D. Ehrman è tanto semplice quanto sconcertante, soprattutto per tanti cristiani.

Bart Ehrman, Religious Studies at the University of North Carolina at Chapel Hill. Immagine Wikipedia

In un libro documentatissimo, l’autore dimostra che Gesù non era considerato Dio a suo tempo, che i discepoli non credevano affatto che fosse Dio e lo stesso Gesù non si considerava Dio; in sostanza viene messo in discussione uno dei principi più importanti della cristianità, cioè che Gesù non è Dio incarnato. Secondo l’autore sono gli stessi Vangeli a dimostrarlo; Bart D. Ehrman non è il solo a sostenere queste e altre tesi sull’origine del Cristianesimo e sulla figura di Gesù; oggi sono tanti gli studiosi che mettono in discussione le “verità” della Chiesa: E. P. Sanders, Geza Vermes, Dale Allison, Paula Fredriksen e tanti altri. Ma andiamo per ordine: l’autore parte dalle antiche civiltà politeiste spiegando che a quei tempi molti uomini, soprattutto i re sovrani, venivano considerati esseri divini già in vita: dagli egizi alle civiltà mesopotamiche, fino all’antica Grecia e Roma. Personaggi come Alessandro Magno, Romolo, Giulio Cesare, Cesare Augusto, Ottaviano e tanti altri, venivano venerati come dei. Ma anche uomini comuni potevano essere considerati divini; è il caso di Apollonio di Tiana, che “un emissario celeste aveva annunciato alla madre che avrebbe dato alla luce non una creatura mortale, ma un essere divino”. È curioso notare infatti che Apollonio diventò un predicatore e spiegava che non bisognava curarsi della vita terrena e dei beni materiali, ma dello spirito e delle cose eterne; ebbe molti seguaci, convinti che fosse il Figlio di Dio; compiva miracoli, cacciava i demoni e resuscitava i morti, si scontrò con le autorità romane, fu processato ma ascese in cielo per poi apparire a un suo devoto togliendogli ogni dubbio… insomma una vita simile a quella di Gesù. Questi sono solo degli esempi, ma la mitologia greca e romana è piena di storie simili. Nell’antichità quindi era opinione comune che gli dei potessero assumere sembianze umane e gli umani sembianze divine. Nel Nuovo Testamento, Gesù non viene mai chiamato Dio, tranne nel Vangelo di Giovanni; ma qui bisogna aprire una parentesi. Matteo, Marco, Luca e Giovanni non sono gli autori dei Vangeli e tantomeno testimoni oculari della vita di Gesù. I Vangeli sono scritti in forma anonima e la prima ricostruzione della vita di Gesù arrivata fino a noi fu scritta quarant’anni dopo la sua morte: “I Vangeli contengono informazioni e ricostruzioni non storiche, modificate, esagerate e romanzate col tempo: non sono certo opera di persone che stavano sedute a prendere appunti ai piedi di Gesù”.

Immagine Nessun Dogma

In effetti bisogna tener presente che a quei tempi solo il dieci per cento circa della popolazione sapeva leggere e scrivere, quindi le storie erano tramandate oralmente e i fatti venivano alterati, modificati e falsati ed è così che “da potenziale messia (umano) Gesù divenne il Figlio di Dio esaltato a livello divino con la resurrezione”. Dalla resurrezione di Gesù alla nascita della cristologia, dai paradossi del cristianesimo ortodosso al concilio di Nicea, Bart D. Ehrman affronta diversi argomenti in modo dettagliato e ricco di dati storici incontrovertibili, che ci aiuta a riflettere su molte “verità” che fino a qualche tempo fa erano considerate indiscutibili.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments