Finalmente in manette l’assassina del medico torinese Furio Ferrari e della moglie.

Raccapricciante omicidio a Panama: l’avvocato della coppia uccide spietatamente per soldi.

Panama, meraviglioso paese che ci da il benvenuto dall’Oceano Pacifico, patrimonio dell’umanità ricco di storia e ambita meta turistica.

Questo paradiso si è purtroppo trasformato in un incubo per Furio Ferrari e Marialena Vallarino Aizpurua, che vi hanno trovato la morte.

Furio Ferrari e Marialena Vallarino Aizpurua – Fonte: nuovarassegna.it

Furio Ferrari era un chirurgo plastico di sessantotto anni originario di Torino, da anni residente in Messico dove svolgeva un’attività di imprenditore edile ed era sposato alla quarantacinquenne manager panamense Marialena Vallarino Aizpurua. I loro corpi erano stati rinvenuti a Les Cumbres, località appunto di Panama, lungo una delle strade attraversate solitamente dai diavoli rossi, i famosi e pittoreschi autobus del posto, a gennaio del 2018, dopo due mesi dalla denunciata scomparsa, chiusi dentro due sacchi per la spazzatura. L’autopsia aveva rilevato torture e strangolamento antecedenti ai decessi.

Le indagini sul delitto hanno infine portato all’arresto di un avvocato di quaranta anni di nome Mircala Saucedo Lezcan, anch’ella panamense e legale della coppia assassinata.

Furio Ferrari – Fonte: torinotoday.it

Virginia Sanchesi, ex compagna di Furio Ferrari, ha preso in mano la terribile situazione, aiutando gli inquirenti con lo scopo di scoprire l’assassino del medico torinese e poter dare, così, anche delle risposte alla figlia che con questi aveva avuto anni prima.

 

“Quella donna seguiva da anni le sue transazioni immobiliari, abbiamo subito pensato a un suo coinvolgimento”

 

In effetti, le ricerche hanno evidenziato come Mircala Saucedo Lezcan fosse riuscita a far intestare a suo nome, dalle vittime, degli immobili.

 

Fonte: Mondadori store

Prima di uccidere il medico italiano e la moglie, li avrebbe torturati per costringerli a firmare alcuni documenti.

 

Confermata la colpevolezza dell’avvocato venerdì tredici aprile 2018, raccapricciante è stato associare le torture inflitte al medico e alla moglie, al fine di estorcere loro ulteriori firme su altri documenti a esclusivo beneficio e profitto dell’assassina.
L’immagine di copertina è presa da notizie.tiscali.it


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments