Ellery Queen: Un successo vintage che arriva alla televisione passando dalla carta stampata

Lo scrittore/investigatore morto troppo giovane.

“Crimini e omicidi – il fascino della fantasia” vi propone oggi Ellery Queen, un altro personaggio nato dai libri e poi approdato alla televisione, che unisce il ruolo di scrittore a quello di investigatore.

L’attore Jim Hutton – Fonte: Old TV Shows

Richard Levinson e William Link, celebri produttori già incontrati negli articoli dedicati a La Signora in Giallo e Colombo, idearono la serie televisiva americana nel 1974 e i telefilm, con protagonista il giovane scrittore di gialli, andarono in onda fino al 1976.

Prima della televisione, fu la radio, dal 1939 al 1948, a ospitare le avventure dell’investigatore per passione, ne The Adventure of Ellery Queen.

La RAI accolse Ellery Queen nel 1978, trasferitosi poi a La7, Rete 4, Iris, Giallo e Fox Crime. Nonostante quindi gli episodi siamo ormai “datati”, è possibile seguire ancora oggi i ventiquattro casi risolti dall’intelligente investigatore, grazie alle repliche che vengono tutt’oggi trasmesse.

Ellery Queen nasce tuttavia dalle pagine stampate. Frederic Dannay e Manfred B. Lee sono gli scrittori che idearono il personaggio e le avventure a lui collegate, ambientandole nei primi anni del secondo dopoguerra, e scrivendo dietro lo pseudonimo, appunto, di Ellery Queen.

Gli scrittori Frederick Dannay e Manfred Bennington Lee – Fonte: funandmore.it

Il personaggio è quindi uno scrittore di polizieschi laureatosi ad Harvard, che si diletta anche nel campo dell’investigazione.

Nel riadattamento televisivo, il protagonista è interpretato da Jim Hutton, affiancato da David Wayne, che nella serie recita il ruolo del padre, ispettore di polizia a New York, John Hillerman, ovvero Simon Brimmer, conduttore radiofonico rivale intellettivo di Ellery Queen nella risoluzione dei crimini, e Ken Swofford, il giornalista “quasi” senza scrupoli di nome Frank Flannigan.

Anche in questa serie americana molti sono i nomi oggi celebri, allora praticamente agli esordi cinematografici, come ad esempio Dorothy Malone, Vincent Price, Vera Miles e Joan Collins.

Tutte le puntate seguono lo stesso schema: all’apertura vengono presentati i fatti, a seguire gli indizi e, in chiusura, Ellery Queen guarda la telecamera e parla direttamente con il pubblico, invitandolo a fare due più due. L’assassino viene stanato davanti a tutti i personaggi chiave dell’episodio, riuniti in una stanza.

fonte: Pretty Sinister Books

Purtroppo sono solamente ventiquattro le investigazioni, a causa della prematura morte di Jim Hutton, nel 1979.

Conosciamo meglio lo sfortunato protagonista: Jim Hutton, al secolo Dana James Hutton, nacque nel 1934 ed è il padre di Timothy Hutton, Premio Oscar.

La sua vera carriera inizia nel 1957, quando viene notato dal regista Douglas Sirk, mentre recita a teatro, a Norimberga, per intrattenere un pubblico composto da militari. Molte le sue interpretazioni come in La spiaggia del desiderio del 1960, Uno scapolo in Paradiso del 1961 e Caccia al tenente del 1962.

La televisione lo vede invece nel 1959 in un episodio de Ai confini della realtà.

Il tumore al fegato purtroppo lo strappò alla vita a soli quarantacinque anni.

 

Immagine di copertina: Gli attori Jim Hutton e David Wayne – Fonte: Dailymotion.it


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments