Carloforte: apertura de “L’isola dei libri” tra francobolli, letture e bollicine.

0

Venerdi 20 luglio, a Carloforte nell’ Isola di San Pietro, si è svolta la prima serata de “L’isola dei libri”. L’apertura della manifestazione, giunta alla sua terza edizione, è stata affidata all’ annullo filatelico dedicato all’ evento culturale, ideato e organizzato dall’ Associazione Culturale “Saphyrina “ Carloforte, e alla partecipazione degli autori locali, che hanno presentato alcune delle loro opere.

L’annullo, a cura di Poste Italiane che ha installato un apposito ufficio postale temporaneo, ha avuto, sin dai primi momenti, l’interesse di numerosi appassionati di filatelia ma anche di semplici estimatori della manifestazione e turisti .

Il kyt, contenuto in una busta cartonata cerata per l’occasione da Poste Italiane, consiste in   quattro cartoline affrancate con le effigi  di autori e il francobollo, dedicato a Carloforte, c he fu emesso nel giugno del 1993 e fu stampato in tre milioni di esemplari, una vera rarità filatelica. Il kit dell’annullo filatelico sarà in messo in vendita durante tutte le serate della manifestazione.

La serata è proseguita con la partecipazione di un gruppo di autori locali, formatosi spontaneamente nell’anno in corso per la manifestazione “Il Maggio Dei Libri, che hanno presentato le loro opere e letto brani estratti da esse.

Ha presentato la serata il presidente di Saphyrina, Nicolo Caprita, è intervenuta l’assessore alla cultura del Comune di Carloforte, Aureliana Curcio.

Il presidente di “Saphyrina”,Nicolo Capriata, presenta la serata. Alle spalle il gruppo di autori localei, a destra l’ ufficio temporaneo di Poste Italiane, per l’annullo filatelico.
L’intervento dell’ assessore alla cultura del Comune di Carloforte, Aureliana Curcio.

Un pubblico attento ha seguito le letture degli autori locali, undici quelli presenti:
Giusy Rombi, Giovanni Maurandi, Margherita Crasto, Rosanna Maurandi e Antonio Pascale, Lorenza Garbarino, Mariano Strina, Luca Navarra, Antonello Rivano,Maria Simeone, Serena Pellerano; Assente per motivi di salute Aldo D’arco

Gli autori locali, presentati dal portavoce Luca Navarra, di fronte al loro pubblico.

La varietà delle opere presentate, che spaziava dalla poesia alla letteratura, passando per la saggistica, ha rappresentato quello che si può chiamare: spettacolo culturale.
Il gruppo di autori si è spontaneamente formato durante la manifestazione “Maggio dei libri”, durante la serata è nata l’idea di un lavoro di gruppo che mira a raccogliere, le poesie e la prosa presentati venerdì sera.

Il gruppo di autori : Margherita Crasto, Luca Navarra, Serena Pellerano, Mariano Strina, Maria Simeone, Antonello Rivano (in piedi), Rosanna Maurandi, Giovanni Maurandi, Lorenza Garbarino, Antonio Pascale, Giusy Rombi.

E’ anche grazie a manifestazioni come “L’isola dei libri” e “ Il maggio dei libri”, che vedono la partecipazione di varie realtà culturali isolane e l’amministrazione comunale, che Carloforte da un paio di mesi è stata insignita del titolo “Città che legge”. Decisivo per l’assegnazione del titolo l’ evento in corso in questi giorni.

Dalla lettura dipendono lo sviluppo intellettuale, sociale ed economico delle comunità: è con questi presupposti che il  Centro per il libro e la cultura  insieme all’ ANCI ( Associazione Nazionale Comuni Italiani) con il titolo Città che legge promuove, sostenendole, le Amministrazioni Comunali che si impegnano nella promozione della lettura, Riconoscendo nella diffusione della lettura un valore riconosciuto e condiviso che può positivamente influenzare la qualità della vita. Nel caso di Carloforte, oltre al contributo e alle iniziative comunali, sono di fondamentale importanza le attività delle associazioni culturali, tutte costituite da volontari amanti della cultura e della loro terra, che spesso operano, quasi esclusivamente, grazie al loro fondo sociale e al contributo di sponsor privati.

Il riconoscimento di Carloforte come: Città che legge

La serata di è conclusa con un Buffet offerto dagli autori isolani: dolci locali e stuzzichini, accompagnati da vini sardi DOC e dalle bollicine di prosecchi di qualità.
In sintesi un inizio de “l’isola dei libri” che potremmo dire: spumeggiante.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments