Calabrese e Daddio, il cibo come medicina per riabilitare la Terra dei Fuochi

Il guru della dieta mediterranea e il "Maradona" della cucina di territorio spiegano in un libro l'equilibrio fondamentale tra salute e bontà.

1

di Francesco Paciello

Tutto parte dalla Nutraceutica, sincretismo che identifica una corrente di pensiero della moderna medicina della nutrizione. La pratica, che teorizza la prevenzione e la cura di alcune patologie attraverso il buon cibo e l’equilibrio alimentare, ha origini antiche fatte risalire ai Sumeri e agli Egizi ma il metodo è nato nel 1989 dagli studi del Prof. Stephen De Felice. Ed è un un noto cavallo di battaglia del Prof. Giorgio Calabrese, spesso in tv alle prese con la dieta mediterranea, ma anche dello chef de cuisine Giuseppe Daddio che nelle sue preparazioni non perde mai di vista le linee guida di tale filosofia.

il-libro-La-Dieta-Mediterranea-Salute-e-Bontà-di-Giorgio-Calabrese-e-Giuseppe-Daddio

Nel libro “Dieta Mediterranea, salute e bontà” (impegnato al momento in un fitto tour di di presentazione) i due hanno associato competenze scientifiche e tecniche di preparazione dando vita ad un volume che, con argomenti concreti, riabilita dai luoghi comuni del pregiudizio un’areale di eccellente produzione agricola ancora tristemente noto come “Terra dei Fuochi”.

calabrese daddioIl Prof. Calabrese chiosa: «Il libro mette in risalto le grandi qualità sia di cuoco “in cucina” sia lo stile di Daddio che personalmente ritengo un “Maradona” della cucina. Daddio valorizza con il suo estro una terra bellissima: è quella che tutti definiscono Terra dei Fuochi mentre io chiamo Terra del Sole. Abbiamo prestato grande attenzione alle “quantità” perché è importante seguire una Dieta Mediterranea ma senza eccessi».

E lo Chef Daddio rinforza il concetto: «Mangiare bene è fondamentale in quanto già da diversi anni ho sposato la “causa” della nutraceutica. La cura della nostra salute inizia a tavola. Mangiando bene si evita col tempo il ricorso a farmaci e di certo l’obiettivo di questo libro è quello di coniugare la “tradizione” culinaria delle nostre terre con una nuova interpretazione dei piatti, delle quantità e dei condimenti».


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments