Borgo d’Autore, a Venosa Polis SA Edizioni protagonista

0

Si è conclusa domenica 10 giugno la III edizione della rassegna letteraria “Borgo d’Autore” Festival del Libro.

Nel suggestivo borgo lucano, che ha dato i natali ad Orazio Flacco, luogo di grande interesse storico e artistico, per tre giorni si è respirata aria di cultura a 360°. Polis Sa Edizioni ha aperto la III edizione della Rassegna letteraria con la presentazione di “da Sud” e “Sviluppo. Strategie di crescita dei territori”. Ospiti della manifestazione i curatori delle due antologie neonate in casa PolisSA, Mimmo Oliva e Francesco Saverio Minardi, moderati dalla talentuosa Flavia Squarcio. Unico filo conduttore che riprende ed amplifica le tematiche emerse in “Periferia” e “Conoscere” e delinea una visione diversa, innovativa e creativa della parola e del luogo geografico “SUD”, imprigionato nello stereotipo di “Periferia esistenziale”, il cui riscatto deve necessariamente declinarsi attraverso la valorizzazione del patrimonio socio-culturale, artistico e valoriale della nostra terra e tradursi nella programmazione di uno sviluppo in chiave sostenibile dei nostri territori.
 
“Borgo D’Autore”, nella tre giorni venosina, ha coinvolto autori già affermati ma anche esordienti e case editrici provenienti da tutto il Paese, ed è stata seguita da Polis SA con interviste live ed aggiornamenti per tutta la sua durata. In piazza Orazio, gli autori hanno dialogato con giornalisti e personaggi appartenenti al mondo della cultura, della scuola, dell’economia, della politica, con il coinvolgimento di enti culturali, circoli letterari e docenti, dando spazio anche a momenti musicali e a rievocazioni storiche e della tradizione popolare.
Il Festival del libro è stata anche l’occasione per riscoprire il patrimonio artistico e storico della cittadina lucana, grazie alla collaborazione con il FAI – Fondo Ambiente Italiano è stato possibile visitare il Museo Episcopale, situato nei pressi della cattedrale di Sant’Andrea e le catacombe ebraicheSituate all’interno della collina della Maddalena, a nord di Venosa, le catacombe sono state costruite dalla comunità ebraica di Venosa e rappresentano una testimonianza importante del culto dei morti tra i secoli IV e VI da parte della colonia ebraica.
Borgo d’autore è prova che il coordinamento organico e programmatico tra le amministrazioni ed il settore associazionistico diventa fondamentale per l’elaborazione di progetti ed iniziative dirette a promuovere la cultura attraverso eventi che siano momenti di studio, di dialogo e di approfondimento: nello specifico l’associazionismo si traduce in risorsa per lo sviluppo dei territori del sud, perché attraverso le associazioni e la messa in rete delle stesse è possibile innescare quei meccanismi e quei processi di crescita di cui i nostri territori sentono l’urgenza.
Polis SA, in questa importante manifestazione culturale appena conclusa, raggiunge un risultato importante: la programmazione di un tavolo di lavoro per la costruzione di un partenariato teso alla ripartenza culturale, politica e civile del nostro Paese… sempre da sud. La partnership con Borgo d’Autore si aggiungerebbe ad un altro grande traguardo: il gemellaggio con “..incostieramalfitana – Festa del Libro in Mediterraneo”, altra solida manifestazione che vanta il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e che vede Polis Sa in concorso al Premio “CostadAmalfiLibri” con ben tre produzioni: “da Sud”, “Sviluppo” e “Alla ricerca di senso”.
Lasciamo Venosa con la consapevolezza che PolisSA si assesta sempre più come realtà ormai affermata e consolidata sul territorio, non solo campano.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments