Black Panther

Dal Wakanda con furore

Arriva il nuovo film-fumetto della Marvel/Disney. Il nuovo episodio ci porta in Africa, precisamente in Wakanda, un regno nascosto agli occhi del mondo in cui si insedia una civiltà tanto evoluta quanto riservata. Il grande sviluppo di questo popolo è dovuto alla presenza di vibranio, un metallo alieno ricavato da un meteorite precipitato per l’appunto in Africa. Il film racconta della salita al trono di T’Challa (che nel film “Avengers – Age of Ultron” avevamo visto piangere la morte del padre) e della lotta con il proprio cugino che torna per vendicare il proprio genitore assassinato dal vecchio re. T’Challa deve superare le proprie paure e deve scontrarsi con errori del passato lasciati in eredità dal padre.

Fonte: www.superherohype.com

Chiunque creda che questo sia un episodio di un super eroe secondario si sbaglia: la storia è ricca di colpi di scena e di critiche sociali. Più volte nel film si ripete di condividere le scoperte del Wakanda per aiutare i popoli del terzo mondo in difficoltà, mentre la politica conservatrice ne impedisce la diffusione. Questo è il tema centrale del film, che ovviamente passa da un eccesso all’altro, dagli aiuti verso i popoli bisognosi alla sete di vendetta verso i paesi dominanti (la tecnologia avanzata del Wakanda permetterebbe di soggiogare quasi tutto il mondo conosciuto).

Il film non è mai noioso, forse a tratti retorico, ma il ritmo della narrazione, gli effetti sempre più “speciali” ed i tamburi africani, lo rendono scorrevole e piacevole.

E’ il primo film in cui non compare neanche uno degli “storici” Avengers, ma non se ne sente il bisogno, la struttura è forte e gli interpreti sono convinti e convincenti. Tra questi troviamo la Michonne della serie “The Walking Dead” (Danai Jekesai Gurira) e il figlio di Apollo Creed (Michael B. Jordan), entrambi super pompati e più combattivi che mai.

Questa puntata traghetta il pubblico verso Infinity War, prossimo appuntamento Marvel in uscita per fine aprile 2018, a tal proposito da non perdere le due scene post-credits che daranno come sempre qualche piccola anticipazione.

La Classifica

I cast Marvel sono spesso azzeccati e anche questa volta gli attori non sono da meno rispetto agli altri film.

  1. Letitia Wright, è Shuri la sorella ipertecnologica di T’Challa e capo del laboratorio super avanzato del Wakanda. Irriverente e cinica al punto giusto, è il personaggio che accaparra la simpatia di tutto il pubblico. Non è un topo da biblioteca, nonostante la corporatura esile quando deve combattere si butta a capofitto in prima linea.
  2. Winston Duke, è M’Baku, capo di una delle cinque tribù del Wakanda, pretendente al trono ma mai vincitore. E’ un “cattivo ma non troppo”, uno dei classici personaggi all’inizio antagonisti ma che poi si rivelano di aiuto per il protagonista. L’attore sa coniugare momenti di eccessiva cattiveria a momenti di ironia quasi parodistica. Pur essendo un personaggio marginale è connotato molto bene, permettendo all’attore di sfoggiare diverse sfumature caratteriali.
  3. Danai Jekesai Gurira è Okoye, generale delle “amazzoni” fedeli al trono del Wakanda. E’ un personaggio molto “rigido” e molto simile a Michonne (che tutti i fedeli di “The Walking Dead” conoscono), in questo senso l’attrice non mostra nuove sfaccettature, tuttavia c’è da dire che il ruolo le si confà molto e che i capelli rasati la rendono più temibile rispetto ai capelli rasta dell’altro personaggio.
Fonte: io9.gizmodo.com

***

Vi è piaciuto l’articolo? Volete segnalarmi qualche film/spettacolo/evento da recensire? Scrivetemi a luca.conticelli@gmail.com con oggetto CONTIVIDIAMO e raccontatemi tutto.
Vi invito a scoprire le novità de La Kimera sul sito e sui social: sulla pagina Facebook e sul canale YouTube


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments