Aurelio De Laurentis, “2004-2014: Napoli 10 e lode”

Cuori di tifosi e tanta professionalità di undici giornalisti che insieme hanno scritto un libro per celebrare l’era De Laurentiis del Calcio Napoli

0

di Tonia Ferraro

Portici (NA) – lo scorso martedì 3 novembre a Villa Savonarola di corso Garibaldi si è svolta la presentazione del libro “2004-2014: Napoli 10 e lode” nell’ambito della rassegna letteraria “Ti presento un libro”, organizzata dall’Amministrazione comunale, Assessorato alla Cultura.
Al dibattito, introdotto e moderato dall’assessore alla Cultura Raffaele Cuorvo, erano presenti il giornalista Vittorio Raio, che ha curato la prefazione del libro, Riccardo Giammarino, direttore del mensile È Azzurro, Nicola Lombardo, capo area comunicazione del Calcio Napoli, il porticese Luciano Tarallo, preparatore dei portieri della squadra azzurra. Erano inoltre presenti Silver Mele e Rino Dazzo, due degli autori dell’opera.

2004-2014: Napoli 10 e lode” è il racconto dei successi dei dieci anni del nuovo corso della squadra del Napoli iniziato con Aurelio De Laurentis. Sono ben undici i giornalisti che hanno partecipato alla sua stesura, coordinati dalla Giammarino Editore. I contenuti verranno sistematicamente aggiornati ogni due anni. Il libro è suddiviso in stagioni: oltre ai riferimenti ai campionati e alle coppe, vi si possono trovare 200 fotografie di Pietro Mosca commentate da aneddoti e curiosità. Il volume inoltre è corredato da profili di tecnici, calciatori e personaggi legati in qualche modo al percorso compiuto dal Napoli.

“2004-2014: Napoli 10 e lode” è la storia di una grande rimonta: dal baratro della serie C in cui era sprofondato fino ai successi di oggi, che hanno portato la squadra azzurra, secondo il ranking UEFA, al 15esimo posto in classifica tra i team calcistici europei.

Il libro comincia con un messaggio di Aurelio De Laurentiis per i tifosi azzurri: »Il mio impegno sarà quello di essere interprete della nostra immensa fede e di proseguire con voi, mano nella mano,verso quei traguardi che il futuro ci saprà regalare».

A Napoli il calcio non è soltanto lo Sport per eccellenza ma è soprattutto un amore che coinvolge tutti, anche quelli che proprio appassionati non sono. Ed è proprio l’amore che ha rapito lo stesso De Laurentiis – che come ebbe a dire precedentemente non si era mai interessato di calcio – quando decise di risollevare le sorti della squadra. Lo stesso amore che traspare dalle parole  degli ospiti pronunciate durante la presentazione del libro.

Dopo l’appassionata difesa del Napoli, in particolare del nuovo allenatore Maurizio Sarri, da parte di Vittorio Raio – ispiratore del libro – Nicola Lombardo, tifoso del Napoli della primissima ora seppur cittadino milanese, ha infatti sottolineato: »Tolta l’era Maradona, questi dieci anni sono i più straordinari di tutta la storia del Napoli calcio, perché non c’è mai stato un numero così grande di vittorie. Non sono scudetti, ma a parte La Juventus negli ultimi quattro anni il Napoli è stata l’unica squadra a vincere qualcosa .. quando i bianconeri hanno lasciato qualcosa da vincere! Ovvero due Coppa Italia, una Supercoppa. Il Napoli è arrivato quinto, terzo, secondo … Già di per sé è sorprendente il fatto che una squadra dalla serie C in soli quattro anni sia arrivata in Champions League: impresa mai riuscita a nessuno!»

Una squadra vincente, simpatica, divertente che sta diventando l’idolo di tanti bambini in ogni parte d’Italia. Anche se non sono di discendenza napoletana, e questo è un altro primato da annoverare tra quelli dello squadrone azzurro.


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments