Ammore e Malavita: un Gomorra in musical sotto forma di favola | ConTividiamo

La Trama

Veramente Spassuso !!! Non trovo altre parole per descrivere questo film, in cui i Manetti Bros hanno voluto cimentarsi con la commedia musicale farcendola con l’azione alla Gomorra. Un boss malavitoso ordina al suo miglior killer di uccidere una scomoda testimone, ma il sicario riconosce la ragazza: era la sua vecchia fiamma. L’ammore ha il sopravvento e comincia una grande quantità di scontri e sparatorie degne dei migliori film di Sergio Leone, in cui lo sfondo è il far west di una Scampia ridotta a meta turistica, dove farsi rapinare è uno dei ricordi più belli che un visitatore può desiderare.

Cosa ne penso

Il film è stato presentato a Venezia, fuori concorso, dove ha raccolto applausi e risate. Sinceramente mi sembra poco idoneo per un festival di questo calibro, tuttavia va riconosciuto ai due fratelli che è stato bell’atto di coraggio presentarsi al Lido, difatti non nascondevano l’emozione e la paura.

Devo dire che alla fine del film avevo una gran voglia di pizza con la pummarola ‘ncoppa e di sentire tutti i cd di Gigi D’Alessio (strano, eppure non avevo la febbre). Non sono un grande fan delle commedie musicali (tranne Rugantino ovviamente), ma penso che questo film sia un bel connubio tra canzone ed azione, il tutto condito con una simpatica atmosfera partenopea. Aggiungo anche che, ad essere sincero, se non ci fossero i sottotitoli avrei immaginato che fosse uno di quei film diretti da Mel Gibson in qualche lingua sconosciuta in cui non se capisce gnente. Forse è un po’ troppo lungo (2h13m), vista la storia non proprio originale e la trama abbastanza lineare. Un consiglio spassionato: prima di andare al cinema prenotate la vostra pizzeria preferita (o quella più vicina), state sicuri che vi getterete lì a capofitto, appena finito il film.

Gli attori

Ecco la mia classifica degli attori e dei personaggi del film:

  1. Claudia Gerini (Donna Maria): è la moglie del boss. Ha il primo posto sul podio perché l’ho vista molto calata nella parte (anche se per me rimane sempre la Jessica dei viaggi di nozze di Verdone), ha la fortuna di interpretare un personaggio ben riuscito che infonde molta simpatia.
  2. Giampaolo Morelli (Ciro): è il sicario del boss. L’attore è molto più bravo come killer (pare Terminator) che come cantante (è una campana scodata) anche se il suo personaggio non si fa amare come Coliandro. Il suo essere quasi indistruttibile e “paladino” (si mette contro tutta la gang per ammore) lo rende anche un pochino antipatico.
  3. Serena Rossi (Fatima); è un’infermiera (ex fidanzata di Ciro) che “ha visto troppo” e viene condannata a morte dal boss. Molto brava nel canto, il look anni ’70 la rende molto vintage e tenera.
  4. Carlo Buccirosso (Don Vincenzo) : è il boss. Occupa l’ultima posizione perché non mi ha convinto come criminale, neanche in una commedia. Fa un doppio ruolo in realtà: il boss ed il proprietario di un negozio di scarpe tale e quale a lui.

***

Vi è piaciuto l’articolo? Volete segnalarmi qualche film/spettacolo/evento da recensire? Scrivetemi a luca.conticelli@gmail.com con oggetto CONTIVIDIAMO e raccontatemi tutto.
Vi invito a scoprire le novità de La Kimera sul sito e sui social: sulla pagina Facebook e sul canale YouTube


*Se hai trovato un errore di ortografia, può avvisarci selezionando il testo e premendo Ctrl+Invio.

Comments

comments